La tradizionale e secolare Fiera di San Gregorio a Valdobbiadene (TV) si svolge quest’anno dal 10 al 12 marzo 2018

Ogni anno questa importante rassegna fa confluire a Valdobbiadene moltissimi visitatori e turisti.

Per l’occasione, presso Piazza Marconi e le vie del centro verrà allestita una mostra-mercato dedicata non solo agli attrezzi agricoli, ma anche alla degustazione ed alla vendita dei prodotti locali.

In piazza Marconi si troverà una fornita Enoteca di Valdobbiadene Superiore DOCG delle aziende vinicole valdobbiadenesi.

Sono in programma inoltre spettacoliintrattenimenti vari ed un luna park.

Ingresso libero

La fiera, attesissima per chi opera nel settore agricolo, viene allestita una vasta esposizione di attrezzature agricole, macchinari e tutte le novità del settore. Ma la mostra mercato non si limita solo all’esposizione dei macchinari ma anche alla degustazione e vendita dei prodotti tipici locali presentate direttamente dai produttori. L’antica fiera di San Gregorio è diventata un appuntamento fisso che ogni anno raccoglie sempre più visitatori.

Presso la sede dei FAI in Via Portacatena a Salerno

La mostra “Danze” di Marco Di Lieto inaugurata il 2 febbraio resterà aperta al pubblico

fino al 25 febbraio 2018

L’urgenza espressiva di Marco Di Lieto

Scritto da , 2 febbraio 2018

ore 18, il vernissage della mostra “Danze” nella sede del Fai di Via Portacatena

lOLGA CHIEFFI

Nella danza il corpo occupa e crea lo spazio: l’azione diretta e sensibile prevale sulla narrazione, la prossimità è preferita alla distanza, la molteplicità all’unilateralità del punto di vista. I linguaggi delle diverse arti, musica, pittura danza, sono da sempre osmotici anche nei termini d’uso: scena, partitura, tono, colore, frase, fraseggio, improvvisazione, cluster, armonia, plasticità, sono “vocaboli” che popolano i discorsi di uditori musicali, teatrali, critici d’arte, visitatori di gallerie. Questa sera, alle ore 18, la sede della sezione salernitana del Fai, ospiterà le opere di Marco Di Lieto che dopo il debutto estivo al “Fes Show Room” nella sua Minori, si propone al pubblico salernitano con “Danze”, fruibile sino al 25 febbraio. Leggiamo nelle opere di Marco Di Lieto, una concentrazione sul lato tecnico della pittura, sulla padronanza d’un repertorio di registri fabrili che gli consente di tener sempre vivo un decantato rapporto con l’espressione. Se la pittura è costituzione fondante d’un concreto stato di realtà, la tecnica non ne è modalità astraibile, ma connaturata ragione formativa, garanzia stessa di possibilità. Dipingere è sognare e ricordare con le mani, cioè tramite una tecnica e, con questa, entrare nella “buia tana dell’indicibile”. Non il reale immediato, ma “l’anima” della realtà, attraverso la sua narrazione: questo è e vuole essere oggetto della mimesi. Ma come può cogliere un linguaggio pittorico questa sconosciuta dimensione del reale? Qual è la sintassi pittorica di Marco Di Lieto, funzionale allo scopo, se non quella che procede dall’attesa dell’inatteso, quella della “forma aperta” da dare al reale, quella che nasce dalla disponibilità assoluta alla cosa, quella che emerge dalla sospensione (nello stato dell’attesa) e dallo stupore che si genera al suo apparire e al suo accadere; è una sintassi che vuol cogliere, nelle cose e attraverso le cose, quello sguardo magico che esse sembrano lanciare, nell’atto di darsi all’occhio dell’artista: è il volere afferrare quell’esatto momento nel quale l’oggetto lancia una sorta di sguardo dionisiaco, con cui crea e “costituisce” lo spazio dei significati, consentendo la cattura del “senso”, nella sua realtà. La sua urgenza di sperimentare (Marco è allievo dell’Accademia napoletana di Belle Arti), lo tiene lontano da modelli correnti, fino a distillare una propria “étrange maîtrise”, calandosi in un’esperienza che sia attuazione cosciente d’un reale non può consentirsi facoltatività, traduzioni, codificazioni eteronome: l’atto di pittura è, non più metaforícamente, crescita corporea d’immagine. I dipinti in mostra riprendono il loro intessersi ambiguo e proliferante, che cresce in forma, ritmicamente, struggendosi in accordi segreti, non privi ora di taluni accenti di captazione estetica. Il segno, inciso dipinto, trova fluenze più sensuosamente eccitate; le materie, nell’abbandono a lievitazioni cromatiche più pienamente mature e intense, decantano i grumi colorati in modulazioni d’emotività più vibrante e sottile, attraverso la tecnica del dropping e degli acrilici su smalto, come le guizzanti alici di Cetara. Composizioni, simmetrie, variazioni per evocare avvenimenti di forme e linee e colori: essi stessi, in questa pittura, fatti cose, consistenze, presenze vere, epifanie di realtà in uno spazio reale. Più che un tema, “Danze”, questo diventa “le motif” per eccellenza: ma motivo dell’anima, ormai, così definitivamente introvertito e capace di piena espressione – al pari del variare inventivo delle composizioni non descrittive – da potersi consentire più paniche, e insieme emotivamente fluenti, incursioni nell’ambiguo tra visione e natura percepita.

https://www.cronachesalerno.it/lurgenza-espressiva-di-marco-di-lieto/

Tutto pronto per la quinta edizione del “Presepe dipinto del M° Giacomo Palladino” un Vangelo della natività – citazioni da Natività & Adorazioni la cui inaugurazione è prevista per sabato 16 dicembre 2017 a Minori, in costiera amalfitana alle ore 18,30.

Saranno gli archi e le volte delle Antiche Scuderie in Piazza Cantilena ad ospitare l’opera artistica che sarà visitabile fino al 28 gennaio 2018, a cura della Pro Loco di Minori, dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 16,00 alle 20,00.

Giunto alla quinta edizione il presepe di Giacomo Palladino mette in risalto attraverso sagome dipinte personaggi e figure tratte dai capolavori  dei più importanti artisti dell’arte pittorica dal ‘300 all’800.

Già nelle scorse edizioni tantissimi studenti delle scuole della costiera amalfitana così come i numerosi turisti hanno avuto modo di provare una “full immersion” in questo piccolo “tempio della storia dell’arte” allietato da sottofondi musicali che suscitano nei visitatori particolari emozioni in un percorso fatto di momenti molto intensi che vanno dall’Annunciazione, alla nascita del Bambinello, al re Erode, alla strage degli innocenti, alla fuga in Egitto.

La Villa Marittima Archeologica di Minori <costa d’Amalfi>

Muoversi da Turisti del 14/11/17

Muoversi da Turisti: Le mete turistiche più interessanti della Campania raccontate in una breve clip con tutte le indicazioni per raggiungerle attraverso il Trasporto Pubblico o il mezzo privato. "Un viaggio che incanta, un percorso fatto di storie, tradizioni, usi e costumi: questa è la Campania che vogliamo raccontarvi". A CURA DI MARINA D'APICE

Pubblicato da Muoversi in Campania su Martedì 14 novembre 2017

Il Presidente della Pro Loco di Minori, Giuseppe Apicella, era lì all’inaugurazione di tale evento il 12 ottobre scorso ed era ad ascoltare le parole del Maestro animate da grande vivacità e dal solito grande amore per l’Arte. Questa volta oggetto della sua mostra era stato “Se Stesso”, quasi a lasciarci il testamento insieme ai propri ricordi che non potevano che essere la simbiosi della sua Vita con il vissuto della Costa d’Amalfi e della sua Salerno.

Il suo domicilio stabilito per tanti anni a Minori ha arricchito questa cittadina di una lettura dell’Arte con un profilo straordinariamente nuovo, dove sempre il paesaggio e l’artista creavano l’insieme di potenti e irripetibili emozioni che si concretizzavano in maniera spettacolare sulle tele attraverso i sui colori.

La Pro Loco di Minori, al sodalizio della quale il Maestro Mario Carotenuto ha voluto sempre partecipare, ricorda i concreti segni della sua opera (mostre d’arte, manifesti artistici, loghi) ed i suoi stimoli di visione lungimirante e fuori dal comune che hanno arricchito dagli anni ’70 ad oggi i propri eventi.

Ricorda inoltre tra le ultime presenze qui a Minori quella in occasione dell’allestimento del Presepe Dipinto del Maestro Giacomo Palladino e la sua gratificazione dalla visione di tale opera.

GRAZIE MAESTRO

Minori ricorda Luigi Di Lieto, artista, scrittore e didatta

Scritto da (Redazione), giovedì 3 agosto 2017 11:38:30
Ultimo aggiornamento giovedì 3 agosto 2017 11:42:33

Era bello il paese bianco dall’alto davanti al mare che lo apre e lo chiude a seconda dell’atmosfera e delle stagioni. Un paese subito amico, con la voce dell’antiquario, la figura della vecchia fruttivendola, i rumori del fabbro, la mitologia della giovinezza“. Così il Maestro Mario Carotenuto ritrae Minori nella prefazione al libro di Luigi Di Lieto “C’era una volta un paese”. Era il 1979, mese di gennaio, quando il maestro elementare prima, il direttore didattico Di Lieto poi, dava alle stampe il primo di una prolifica produzione letteraria che durerà fino a pochi giorni dalla sua scomparsa, il 5 agosto del 2015. Qualche mese dopo, in ottobre, avrebbe compiuto 98 anni.

Sabato 5 Agosto, alle 21 e 30, il Comune di Minori, l’UNPLI Comitato provinciale di Salerno, ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo, la Pro Loco di Minori, lo ricorderanno al Minori Palace Hotel, albergo di proprietà dei nipoti di Luigi Di Lieto, attraverso il ritratto che ne faranno di lui, dopo il saluto del sindaco Andrea Reale, gli scrittori Vito Pinto e Antonio Trucillo, l’artista Giacomo Palladino, il direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it Alfonso Bottone, il figlio musicista Gaspare Di LietoMario De Iuliis e Giuseppe Apicella, presidenti dell’UNPLI e della Pro Loco.

Nato a Minori, Di Lieto ha vissuto tra la sua dimora costiera e l’abitazione di Salerno. Scriveva, come era solito ripetere nei cenacoli “culturali” tra le piazzette del centro costiero, per il piacere di raccontare. Dopo il fortunatissimo “C’era una voltaun paese“, libro praticamente esaurito, che la Pro Loco ha ben pensato di ristampare per l’occasione, sono venuti fuori dalla penna dello scrittore: “Cunti antichi della mia terra” 1989; “Spigolando nella memoria” 1994; “Vedova bianca” 1996; “Così parlò il nonno” 1998; “Minori operosa” 2000; “Un maestro racconta” 2001; “Novecento in Costiera” 2002; “Leggere leggero” 2003; “Parliamone fra noi” 2006; “Spigolature” 2006; “Paranze” 2007; “Antologia dei ricordi” 2009; “Pensieri in libertà” 2010; “Autobiografia del signor Tizio” 2011; “Un po’ di…poesia” 2012; “L’orfana” 2013; “Essere padreessere figlio, storie del tempo nostro” 2014; “Vita e problemi di oggi” 2015. Per la sua proficua attività letteraria nel 2009 ..incostieraamalfitana.it gli consegnò il Premio MarediCosta.

Ma Di Lieto si dilettava anche nel dipingere. Tra le sue più significative mostre, a Salerno collettiva 1973; a Salerno personale 1974; a Minori collettiva 1976; a Minori personale 1977; a Salerno personale 1978; a Minori pro A.I.R.C. 1993; a Minori pro A.I.L. 1995; a Minori pro Unicef 1998; a Minori pro Cattedrale 2001; a Minori pro erigenza statua al Monumento 2003; a Salerno pro orfani di Nassirya 2005.

C’era una volta un paese, insomma, “ponti, stradine, alberi e figure, una musica di canti, suoni e parole“, e c’è ancora, mentre “le cose intorno a noi nascono, crescono, muoiono e diventano ricordo“, come scrive ancora il Maestro Carotenuto in quel già lontano 1979. E ricorda che “il tempo passa, il futuro incalza, il presente sembra irrimediabilmente annullarsi“, e quindi “abbiamo bisogno di fermarci, occorre prendere coscienza dell’epoca in cui viviamo, naturale sviluppo delle storie che il tempo ci rimanda“, e che “spiriti sensibili”, come Luigi Di Lieto appunto ha saputo fare, “ci raccontano con aneddoti, paesaggi e figure“.

https://www.ilvescovado.it/it/sezioni-25/cultura-eventi-spettacoli-13/minori-ricorda-luigi-di-lieto-artista-scrittore-66230